giovedì, gennaio 26, 2012

Porconi,forconi e forcaioli.

Hoouuu ragassi ma chi cazzo sono questi?Dopo i"porconi i forconi".Scherzi a parte ho una piccola discussione nei post di Risollevazione anche perchè,spiegandomi male,ho fatto un parallelo tra i camionisti ed i camioneros cileni....apriti cielo!In effetti il parallelo era sballato,c...o centra Allende con Monti assolutamente un a cippa,per cui ho detto una cazzata.Quello che mi ostino a non capire è che: io non vedo assolutamente una situazione prerivoluzionaria in Italia,tantomeno rivoluzionaria.Vedo certo una situazione di incazzatura generalizzata per come ci hanno ridotti i vari governi di CD e di CS,di come il liberismo/capitalismo ha ridotto alla fame chi già era sull'orlo del baratro,inutile dilungarsi in Italia ci viviamo ed abbiamo occhi per vedere,orecchie per sentire e sopratutto conti da pagare tutti i mesi.Quello che voglio dire è che non basta la rabbia per cambiare il sistema,non bastano le rivolte più o meno spontanee a cambiare gli equilibri nazionali e tantomeno mondiali,senza una vera coscienza di classe,di lotta di classe,non si arriva da nessuna parte,si rischiano solo nuovi e peggiori autoritarismi statalisti.Usiamo pure quel termine così desueto che è proletariato,perchè è di quello che si deve parlare,ha forse oggi la stessa coscienza di sè e della sua reale forza che aveva anche solo 40,50 anni fa'?
Ma guardiamoci attorno,entriamo un'attimo in supermercato di elettronica o in un mac store,c'è gente che si scanna per l'ultima cazzata elettronica e pur di averla la paga a rate perchè è cosi che li ha ridotti un sistema che da anni li martella dai media con un cosumismo sfrenato,perchè deve essere l'offerta a creare i bisogni e non viceversa come dovrebbe essere.In poche parole se la sinistra è morta al momento io non vedo altro che il dovere di ricreare una nuova coscienza libertaria socialista ed antiautoritaria, e non è per rimandare a domani dopo domani ecc questi cambiamenti, ma semplicemente perchè il rischio attuale è di cadere dalla padella nelle brace.Quindi ricreare una situazione di cambiamento reale per tutti facendo rinascere situazioni e formazioni politiche di base che diano voce, non ai particolarismi di categorie,ma a tutto un popolo.

3 commenti:

angie ha detto...

beh, forse, un parallelo col Cile si potrebbe fare (parlando di golpe) una volta ritornati i militari dalle missioni estere: abituati ad un certo stipendio... si adegueranno a quello che riceveranno in patria, in periodo di tagli?

Carlo ha detto...

Spero che tutto non dipenda dalla CIA
visto gli attuali equilibri e il tentativo di destabilizzare l'europa non sarebbe impossibile.

Paolè ha detto...

Ecco, a me preoccupa più il fatto che ci sia un' incazzatura generalizzata e non un'incazzatura generale... Capisci cosa intendo Carlo?