venerdì, ottobre 08, 2010

Martina Poli e i suoi fumetti: sogni e incubi metropolitani.


Nella vita capita di incontrare persone apparentemente distanti da noi per generazione,
cultura,mondi e genti frequentati,eppure quando la conoscenza si approffondisce appena un po',si scoprono assonanze di idee, pensieri,emozioni, passioni culturali e visionarie che non parevano possibili,anche per il solo fatto che 40 anni di differenza di età potrebbero portare all'incomunicabilità più assoluta.Poi scopri che la "barista"che tutti i giorni ti serve il panino e la coca cola al bar è una fantastica fumettista debordante creatività da tutti pori.Allora scatta la curiosità
di entrare un po' nel suo mondo,nel suo parlare veloce per immagini che già di per se' sono fumetti e storie di giovani vite "realtà banale e brutale quella che mi attrae...persone mostruosamente normali....episodi vissuti che si trasformano e ricompongono nella mia testa.."come scrive nel suo :http://martinapoli.blogspot.com/.
Insomma una persona da seguire nel suo itinerare tra vita e fumetto tra realtà e fantasia.

4 commenti:

Angie ha detto...

ciao, ma: il link mi dice blog non trovato... l'ha aperto da poco? no, se tu l'hai letto!

Carlo ha detto...

Ciao Angie,non so' come sia da me si apre direttamente,bah misteri della rete.Ciao

martina poli ha detto...

uau!!!!sono ancora alle prime armi col blog....cercherò di farcirlo meglio nei ritagli di tempo...grazie mille per le belle parole e il post :)

Angie ha detto...

bon, adesso ci sono entrata dal suo commento!
ciao.